Luana la puttana

Il bambino

Se ti piace questo racconto leggi ancheLuana la puttana – Gus

Ci sono giornate estive in cui non c’è riparo dal caldo e rimanere volontariamente sotto al sole può essere un gesto per auto infliggersi una colpa. Il sudore sotto il collo e tra le pieghe della ciccia colava lungo il grande petto per poi sbattere contro l’orlo della maglia che lo assorbiva e lo faceva camminare lentamente tra le trame del tessuto. La peluria dei baffetti sotto il naso rivelava piccole goccioline di acqua, le ascelle erano caverne marine con stalattiti e stalagmiti di peli; quando alzava le braccia per sistemarsi i capelli si trasformavano in due mostruose bocche barbute.Continue reading

Luana la puttana

Gus

Se ti piace questo racconto leggi ancheLuana la puttana e il bambino

Tornando a casa la incontrava tutte le sere, seduta su quella sedia dalle gambe storte. Anche lei le aveva così, le gambe: arcate, che ci sarebbe passato un cane con una scopa in bocca, credeva che quella forma fosse dovuta dal peso da sostenere perché la donna era particolarmente grassa e, cattiveria di un Dna, non aveva nemmeno le formeContinue reading

THE BLACK BOOK

Erano 4 giorni e 3 notti che lo vedevano seduto sulla stessa panchina al parco, ma già dalla prima notte la gente si avvicinava dietro di lui per farsi i selfie. Più che culi di gallina o segni di vittorie per battaglie mai fatte, la posizione era dell’indice accanto alla …